Asana Meditazione

Pranayama

Continuiamo il nostro percorso negli 8 Anga; oggi parlerò del PRANAYAMA…

La parola Pranayama, in sanscrito, è formata da due parole.

•PRANA, energia universale

•YAMA espansione.

Quindi è facile capire che L’ENERGIA UNIVERSALE È IN ESPANSIONE, tale energia non è solo all’esterno nel Cosmo, ma è anche in ognuno di Noi. Di solito viene

Identificato con il RESPIRO, infatti questa energia fluisce dentro di noi con in inspirazione alla nascita e ci abbandona con l’espirazione alla morte.

Nello Yoga il PRANAYAMA viene associato a delle tecniche di regolazione respiratorie, grazie a questi “esercizi” è possibile regolare la FORZA VITALE, controllare il suo processo ed espanderlo.

Secondo gli antichi Yogi, il nostro Prana scorre attraverso i 72000 canali energetici, in tutto il corpo, dirigendo il respiro con Consapevolezza, un giorno saremo in grado di inviarlo nelle zone in cui avremo più necessità; ma prima di parlare di questo dovremmo imparare a “Respirare”.

Molte volte ci è capitato di avere un respiro molto affannoso, non costante in momenti magari di nervosismo e molte altre volte invece quando siamo tranquilli e in pace con ciò che ci circonda la respirazione è regolare, calma, lenta. Beh il nostro fisico e la nostra mente agisce di conseguenza a determinati episodi giornalieri, con il PRANAYAMA dovremmo acquisire una certa consapevolezza per regolare tutto.

Praticando il Pranayama, potremmo ottenere dei risultati incredibili; elimineremo molto meglio le tossine, miglioreremo la circolazione sanguigna e linfatica, aiuteremo la digestione, libereremo la nostra mente dai pensieri negativi e rinforzeremo il sistema nostro immunitario.

È un toccasana per tutto e in tutto.

Ma come dobbiamo fare?

Allora… ci sono molte tecniche, io prima di consigliare un pratica, vorrei soffermarmi nel dire che, prima dovremo ottenere una buona consapevolezza del nostro corpo con le Asana, che ci preparano sia nelle posizioni da tenere, ma anche ad avere una consapevolezza del nostro corpo.

Le cose fondamentali da tenere sempre impresse nella nostra mente, è di eseguire il Pranayama con dei maestri in grado di “accompagnarci” all’inizio di questo percorso come fa la mamma con la propria figlia prendendola per mano.

Il momento migliore per praticare il Pranayama, è la mattina in quando il nostro corpo e la mente sono riposati; possiamo farlo in posizione di meditazione prestando attenzione a mantenere la schiena ben dritta; dobbiamo farlo a stomaco vuoto, dopo le Asana e prima della Meditazione; ogni qualvolta finito gli esercizi di respirazione prendiamoci qualche minuto in Savasana.

Iniziamo da qui, ascoltando e imparando a Respirare Energia Vitale.

Namasté

Elena

( Qui potete trovare gli articoli precedenti su 8 Anga)

We continue our journey in the 8 Anga; today I will talk about the PRANAYAMA …

The word Pranayama, in Sanskrit, is made up of two words.

• PRANA, universal energy

• YAMA expansion.

So it is easy to understand that UNIVERSAL ENERGY IS IN EXPANSION, this energy is not only outside in the Cosmos, but also in each of us. It usually comes

Identified with the RESPIRO, in fact this energy flows inside us with in inspiration at birth and abandons us with the exhalation to death.

In Yoga, PRANAYAMA is associated with breathing techniques, thanks to these “exercises” it is possible to adjust the VITAL STRENGTH, control its process and expand it.

According to the ancient Yogis, our Prana flows through the 72000 energy channels, throughout the body, directing the breath with Consciousness, one day we will be able to send it to the areas where we need it most; but before we talk about this we should learn to “breathe”.

Many times we have had a very short breath, not constant in moments of nervousness and many other times when we are calm and in peace with what surrounds us breathing is regular, calm, slow. Well our body and our mind acts accordingly to certain daily episodes, with PRANAYAMA we should acquire a certain awareness to regulate everything.

By practicing Pranayama, we could achieve incredible results; we will eliminate toxins much better, we will improve blood and lymphatic circulation, we will help digestion, free our mind from negative thoughts and strengthen our immune system.

It is a panacea for everything and everything.

But how should we do?

So … there are many techniques, I recommend first a practice, I would like to say that first we must get a good awareness of our body with the Asanas, who prepare us both in the positions to be held, but also to have an awareness of our body.

The basic things to keep always imprinted in our mind, is to perform the Pranayama with the teachers able to “accompany us” at the beginning of this path as does the mother with her daughter taking her by the hand.

The best time to practice Pranayama is the morning when our body and mind are rested; we can do it in the meditation position paying attention to keep the back straight; we must do it on an empty stomach, after the Asanas and before the Meditation; every time we finish the breathing exercises, let’s take a few minutes in Savasana.

Let’s start from here, listening and learning to Respirare Energia Vitale.

Namasté

Elena

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *